Ole Scheeren Interview

Project Description

L’UOMO VOGUE
Ole Scheeren Interview

by Giovanna Maselli, Aug 28, 2012[View PDF]

For the Venice Biennale of Architecture, Archipelago Cinema: a modular raft designed by Ole Scheeren to serve as a platform for events while providing.

In the floating city of Venice, it would only make sense to have a floating auditorium. Archipelago Cinema is exactly that: a modular raft designed by Ole Scheeren to serve as a platform for events while providing the public with a unique kinetic experience. Debuting today at the Venice Biennale, for two nights it will also premiere Horst Branderburg’s Against all Rules, a feature documentary on the work of Schereen, giving insights to why he became one of the most sought-after architects in the world.

Giovanna Maselli: What was the initial motivation behind the design of Archipelago Cinema?

Ole Scheeren: it started initially this March in Thailand where a few people founded a new film festival called Film on the Rocks Yao Noi curated by Tilda Swinton and Apichatpong Weerasethakul. When I went to see the site, which was an extremely beautiful landscape of the ocean, the only thing I could think of was that it would be amazing if the audience would float on the ocean while watching movies. The idea was to somewhat embed the narrative of the movies with the narrative of this unstable place in the landscape, through the moving water. So I said ‘can we do something and actually have everybody in the ocean while we watch the film?.

G.M.: You chose a particular method of construction for the raft. What considerations led you to that decision?

O.S.: in the ocean it was basically a place of fisherman so I wanted to go and meet these fishermen and see how they did things: what kind of boats and what kind of things they build that float on the ocean. So I basically adopted very simple and local techniques of how they build their lobster farms and we used that to build the floating island. It was an emotional journey if you like: a sort of ephemeral, communal and social platform where people come together and it’s not small but yet it’s intimate. It’s an assembly of series of pieces that somewhat casually come together. There is a sense of almost primordial casualness to the thing.

G.M.: Why did you decide to take this concept to Venice?

O.S.: after Thailand (to bring the raft) from the most picturesque ocean landscape to the most picturesque city on the water in the world was an interesting transition. So to bring it from nature into a more urban context those are quite extremes in their own way so the idea was to bring it here.

G.M.: How are the two rafts different?

O.S.: the interesting thing is that each installation was very much based on local construction in both places, so the Thai one was really much more improvised with an elementary structure and this one now is in some ways a more sophisticated structure.

G.M.: Are you planning on going to another city after this?

O.S.: well, the essential is that it’s a raft that could drift all over the planet, that could appear in multiple locations and we haven’t decided the final trajectory yet but there are a lot of places in the in America, in Europe and in Asia [that we are considering]. It is also a project that has had an immediate response. After images appeared on the internet and we got contacted from the most unlikely places from all over the world where people said ‘we would really like to bring that over here and do something with it.’ And I think there is something beautiful in this idea of how it manages to somehow just engage an incredible broad variety of cultures and of environments.

G.M.: Your work is driven by boundary breaking imagination and has the special quality to always engage with different scenarios and contexts.

O.S.: i am deeply interested in different cultures. Without ever having planned it I happened to live in 8 different countries in my past life, and now for the past 10 years I have been in Asia. So to me the engagement with the place is something really important for my work: not only the knowledge of a place but also the participation in the realities of a place. I think it very much changes the position you have as a human being but ultimately also as an architect that you have with your work and how you are able or you envision to engage societies and cultures that you work with.

G.M.: In Venice Archipelago Cinema will be the platform used to show the feature-documentary on your work. Did you design Archipelago Cinema with this in mind?

O.S.: in a way it was all a coincidence and a funny convergence of actually two independent paths or trajectories. I was working on this floating platform and then suddenly the film was ready, so it was natural to combine the two. Because I thought I wanted to bring this raft here and the filmmaker suggested using a space that I created to show my work so it would be an almost logical convergence of the work on the screen and the environment that is part of it as well.

G.M.: The documentary was filmed over many years. Was it somehow planned to last so long?

O.S.: it’s been actually 6 years: I guess quite a long time for something like that. 6 years ago I received one of the strangest emails written in a proper letter format, one of the strangest because the guy wrote something between poetic and disturbing and provocative. He had essentially sort of wrote down how he felt towards what I was doing and concluded with a proposition to meet me and make a short TV documentary. And we met, we sat down, we talked and it was an effortless thing. After that he followed me across 6 years of other designs and other projects, and ended up being about the entire piece of work that I was doing in Asia.

Italian Version

Per la Biennale di architettura di Venezia, Archipelago Cinema: una zattera modulare disegnata da Ole Scheeren per servire da piattaforma per eventi e Nella città di Venezia avrebbe solo senso avere un auditorium galleggiante. Archipelago Cinema è esattamente questo: una zattera modulare disegnata da Ole Scheeren per servire da piattaforma per eventi e allo stesso tempo fornire un’esperienza cinetica al pubblico. La struttura sarà inaugurata oggi alla Biennale di Venezia e per due notti ospiterà in anteprima il documentario di Horst Branderburg “Against All Rules”, un viaggio nel mondo di Schereen che farà luce su come e perché il quarantenne tedesco sia uno degli architetti più ricercati al mondo.

Giovanna Maselli: Qual è stata la motivazione alla base della progettazione di Archipelago Cinema?

Ole Scheeren: E’ iniziato tutto a marzo in Thailandia, quando alcune persone hanno fondato un nuovo film festival intitolato Film on the Rocks Yao Noi a cura di Tilda Swinton e Apichatpong Weerasethakul. Quando mi sono recato sul posto ho visto questo paesaggio meraviglioso sull’oceano e l’unica cosa che riuscivo a pensare era che sarebbe stato incredibile se il pubblico potesse galleggiare sul mare durante la visione di film. L’idea era quella di intrecciare un po’ la narrativa dei film con il la narrativa di questo luogo instabile, con il paesaggio irrequieto e attraverso l’acqua in movimento.
G.M.: Hai scelto un particolare metodo di costruzione per la zattera. Cosa ti ha portato a questa decisione?

O.S.: In Thailandia eravamo fondamentalmente in un luogo di pescatori così sono andato a incontrarli e a vedere come fanno le cose: che tipo d’imbarcazioni e oggetti usano per costruire strutture che galleggiano sul mare. Così ho adottato in sostanza tecniche molto semplici e locali per costruire l’isola galleggiante. E’ stato un viaggio emozionante che si è tramutato poi in una sorta di piattaforma dell’effimero, collettiva e sociale, un luogo d’incontro che non è piccolo, ma che nonostante tutto rimane intimo. Si tratta di un insieme di serie di pezzi che come un po’ per caso si incastrano e c’è un senso di casualità quasi primordiale alla cosa.

G.M.: Perché hai deciso di portare questo concetto a Venezia?

O.S.: Trasferire la zattera da uno dei paesaggi naturali più pittoreschi a una delle città più suggestive al mondo era un concetto che mi interessava. La contrapposizione tra natura e un contesto più urbano era già abbastanza estrema di suo.

G.M.: Come si differenziano i due progetti?

O.S.: La cosa interessante è che ogni installazione è stata impostata tenendo in considerazione i processi di costruzione locale di entrambi i luoghi, quindi quella tailandese era in realtà molto più improvvisata, con una struttura elementare, mentre questa è in qualche modo una struttura più sofisticata.

G.M.: Hai intenzione di andare in un’altra città dopo Venezia?

O.S.: Non abbiamo deciso la traiettoria finale ancora, ma ci sono un sacco di posti in America, in Europa e in Asia che stiamo considerando. Il progetto ha riscosso un’attenzione immediata. Dopo che le immagini sono apparse su internet siamo stati contattati da persone luoghi più improbabili in giro per il mondo. Penso che ci sia qualcosa di veramente bello nel fatto che un’idea riesca a coinvolgere una così gran varietà di culture e di ambienti diversi.

G.M.: Il tuo lavoro in generale ha sempre qualità immaginifiche che si sposano perfettamente con gli ambienti diversi in cui si trovano.

O.S.: Sono profondamente interessato a culture diverse. Senza mai averlo veramente scelto mi è capitato di vivere in 8 paesi diversi durante la mia vita e ora per gli ultimi 10 anni sono stato in Asia. Quindi per me il legame con il posto è qualcosa di veramente importante per il mio lavoro: non parlo solo di conoscenza di un luogo, ma anche di partecipazione alla realtà di un luogo.

G.M.: A Venezia Archipelago Cinema sarà la piattaforma in cui verrà presentato il documentario di Branderburg sul tuo lavoro. Mentre progettavi Archipelago Cinema hai preso questo fattore in considerazione?

O.S.: In realtà è stata una felice coincidenza di due percorsi indipendenti. Stavo lavorando su questa piattaforma galleggiante e poi improvvisamente il film era pronto, quindi è stato naturale combinare le due cose. Perché mentre pensato che volevo portare la zattera qui il regista ha suggerito di utilizzare uno spazio di mia creazione per mostrare il mio lavoro, perché sarebbe stata una convergenza quasi logica tra il lavoro sullo schermo e quello dell’ambiente circostante.

G.M.: Il documentario è stato girato nel corso di alcuni anni. Era previsto dall’inzio che durasse così a lungo?

O.S.: E’ durato effettivamente 6 anni: credo che un periodo piuttosto lungo per qualcosa di simile. Fondamentalmente 6 anni fa ho ricevuto una delle più strane e-mail perché scritta con un tono tra il poetico, l’inquietante e il provocatorio, che si concludeva con la proposta di conoscermi e fare un breve documentario TV. E così ci siamo incontrati, ci siamo seduti, abbiamo parlato ed è stata una cosa senza spontanea. Dopo quel progetto iniziale mi ha seguito per altri 6 anni, e ha finito per essere un documentario su tutto il lavoro che stavo facendo in Asia.

Source: http://www.vogue.it/en/uomo-vogue/people/2012/08/ole-scheeren-archipelago-cinema